I disturbi sessuali

Quali sono i disturbi sessuali più comuni al giorno d’oggi?

Disturbi sessuali Rieti

I disturbi della sfera sessuale, anche detti disfunzioni sessuali, sono caratterizzati da sintomi fisici o psicofisici, la cui natura può essere organica, psicologica o avere entrambe le componenti.

Escludiamo da questo resoconto le parafilie e le perversioni sessuali. Nel seguente articolo ci occuperemo solo dei disturbi sessuali più comuni, che possono affliggere le persone durante il loro percorso di vita.

Una Disfunzione Sessuale è dovuta ad un’anomalia che si presenta nel ciclo di risposta sessuale.

Quest’ultimo, di solito, è suddiviso in 4 fasi:

  • la prima fase riguarda il desiderio di praticare l’attività sessuale;
  • la seconda fase riguarda l’eccitazione, cioè l’insieme delle modificazioni fisiologiche conseguenti alla voglia di fare sesso. Nell’uomo sono la tumescenza e l’erezione del pene, mentre nella donna sono la vaso-congestione pelvica, la lubrificazione e la dilatazione della vagina;
  • la terza fase riguarda l’orgasmo, un picco di piacere sessuale, che consiste nel susseguirsi di contrazioni ritmiche dei muscoli perineali e degli organi riproduttivi. Nel maschio vi è l’emissione di sperma, mentre nella donna vi sono una serie di contrazioni della parete della vagina;
  • la quarta fase è quella della risoluzione e del rilassamento muscolare, entrambi i partner vivono un momento di totale benessere psicofisico.

I disturbi sessuali possono verificarsi in una o più fasi del ciclo di risposta sessuale.

Nell’uomo i disturbi sessuali più comuni sono: il disturbo dell’erezione e l’eiaculazione precoce; mentre nella donna sono: la mancanza di eccitazione sessuale e di lubrificazione, l’anorgasmia e la frigidità.

Esistono poi i cosiddetti disturbi sessuali caratterizzati da dolore durante il rapporto, ovvero la dispareunia, sia maschile che femminile, che consiste in un coito doloroso e il vaginismo, una contrazione involontaria della vagina che rende l'atto sessuale difficoltoso, doloroso o addirittura impossibile.

Inoltre, nella sfera sessuale di una persona può verificarsi anche il cosiddetto Disturbo dell'Identità di Genere, che consiste nell’identificarsi col sesso opposto e contemporaneamente sentirsi particolarmente a disagio con sé stessi.

Possibili cause dei disturbi sessuali

I disturbi, come l'impotenza, il vaginismo, il calo del desiderio possono avere diverse cause.

Solitamente il terapeuta, prima di iniziare un percorso psicoterapeutico deve poter escludere danni di natura organica, che possono sopravvenire in seguito ad un trauma o, apparentemente, senza nessuna causa, suggerendo alcuni esami diagnostici.

Qualora fosse presente un danno organico, o la perdita di una o più funzioni, il lavoro psicoterapeutico consiste nell’aiutare il paziente a ristrutturare l’immagine di sè.

A volte il terapeuta si limita a fornire sostegno psicologico alla persona, durante tutto il processo di cura organica.

Non dimentichiamo che un qualsiasi problema organico, lieve o grave che sia, reversibile o permanente, genera sempre tanta sofferenza nell’individuo ed attiva sempre immagini di malattia e confronto con la morte.

È chiaro dunque che il ruolo del terapeuta consiste nel prevenire l’insorgenza di ulteriori disturbi psichici, secondari alla malattia o alla menomazione.
Una volta escluse le cause organiche, si cerca di individuare la causa psicologica del disturbo sessuale.

I Disturbi sessuali di natura psicologica possono essere provocati da molteplici fattori, come:

  • non conoscere l'anatomia e la fisiologia dei propri genitali;
  • non conoscere le esigenze sessuali proprie e del partner;
  • seguire alcune credenze e miti;
  • avere conflitti e sensi di colpa interni che portano ad evitare il piacere sessuale;
  • vivere particolari tensioni psicologiche verso il partner che portano ad evitare il più possibile i rapporti sessuali;
  • soffrire di intensa ansia di avere un insuccesso in campo sessuale;
  • incapacità ed impossibilità a rilassarsi e ed abbandonarsi al piacere sessuale;
  • personali problematiche psicologiche di ansia, paura, stress, che ostacolano le normali dinamiche psicofisiche dell'atto sessuale;

Che cos’è in realtà un disturbo sessuale?

Disturbi sessuali Rieti

Il disturbo sessuale è un sintomo del corpo e come tale va sempre letto ed interpretato come un campanello d'allarme che il sistema psiche-corpo genera per mandare un messaggio a sè stesso.

Il sintomo è un grido d'aiuto della psiche o dell'anima, che ci vuole trasmettere un segnale. Compito del terapeuta è dare voce a quel sintomo, ascoltarlo, nutrirlo per capire che cosa sottende. Il sintomo stesso indica la via che porta al problema di fondo, alla sofferenza originaria.

La psiche di ogni individuo è composta di molteplici personaggi interiori. Ognuno di questi richiede soddisfazione. Nel momento in cui uno o più personaggi interiori non sono soddisfatti, si genera dolore.
In linea di massima i disturbi della sfera sessuale sono intimamente collegati al benessere della coppia. In una relazione di coppia equilibrata e felice, difficilmente, uno dei due partner svilupperà disturbi sessuali, di origine puramente psicologica.

Di contro in quelle coppie dove uno o entrambi i partner sono infelici e/o insoddisfatti il sesso risulta essere tra le prime cose a scomparire.

Durante l'analisi della domanda, con un paziente che lamenta un disturbo sessuale, è bene, prima di tutto, indagare le cause organiche, in secondo luogo capire se è il caso di intraprendere una psicoterapia individuale, oppure suggerire una psicoterapia di coppia.

Non esiste una regola generale, ogni situazione è un caso a sé!


Dott.ssa Cinzia Cenciarelli e Dott. Gianpiero Capuano
Psicologi Psicoterapeuti - Rieti

Dott.ssa Cinzia Cenciarelli
Psicologa Psicoterapeuta a Rieti

Iscrizione alla Sezione A dell'Albo degli Psicologi di Abruzzo con delibera del 19/10/2010n. 1791
Laurea specialistica in Psicologia applicata, clinica e della salute, con indirizzo in psicologia clinica e dinamica
P.I. 01864460660

 

Dott. Gianpiero Capuano
Psicologo Psicoterapeuta a Rieti

Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo dal 22/03/2011n. 1848
Laurea specialistica in Psicologia applicata, clinica e della salute, con indirizzo in psicologia clinica e dinamica
P.I. 01864470669

 

declino responsabilità | privacy e cookies | codice deontologico

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Cinzia Cenciarelli
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it